Sanificazione - Disinfestazione Derattizzazione Roma

Logo
Vai ai contenuti
SANIFICAZIONE - DISINFEZIONE

DISINFEZIONE E SANIFICAZIONE
PROTOCOLLO DISINFEZIONE

La disinfezione è una misura atta a ridurre tramite uccisione, inattivazione o allontanamento/diluizione, la maggior quantità di microrganismi quali, batteri, virus, funghi, protozoi, spore, al fine di controllare il rischio di infezione per persone o di contaminazione di oggetti o ambienti.
Il concetto di disinfezione se applicato a superfici e ambienti ha diverso significato rispetto alla sterilizzazione; infatti per sterilizzare si intende l'eliminazione e/o inattivazione totale di qualsiasi forma vivente, compresi virus e spore e nematodi, mentre per disinfezione il processo è circoscritto alle specie patogene.
Il nostro intervento di disinfezione professionale viene svolto da un operatore preparato che indossa tutti i dispositivi di protezione individuali necessari a svolgere l’intervento nella massima sicurezza.
Per quanto i Coronavirus siano molto sensibili ai normali disinfettanti (62-71% etanolo, 0.5% perossido di idrogeno, 0,1% ipoclorito di sodio – tempo di azione ≥ 1 minuto), per un intervento professionale e per poter certificare la disinfezione verranno utilizzati prodotti specifici che riportino in etichetta la loro efficacia contro i virus.
Il prodotto verrà applicato con una tecnica definita ad ultra basso volume (ULV) che consiste nella micronizzazione (riduzione in particelle minutissime) dello stesso che permetterà di saturare l’aria dell’ambiente da trattare e di disinfettare le superfici presenti. La nebbia prodotta non bagna le superfici e non rovina gli arredi presenti). Sarà cura del cliente risciacquare con acqua le superfici che entrano in contatto con gli alimenti, i piani di lavoro, le attrezzature e qualunque superficie potenzialmente a contatto con la pelle.
Al termine dell’intervento verrà redatto un rapportino di intervento nel quale verranno riportate le aree trattate e le procedure eseguite. Allegata al rapportino verrà fornita la scheda tecnica del prodotto utilizzato.
N.B. Si fa notare che un intervento di disinfezione abbatte la carica virale dell’ambiente trattato ma non ha alcuna azione preventiva. Si consiglia di ripetere il trattamento periodicamente qualora ce ne siano i presupposti o di pianificare interventi periodici di contenimento in caso di necessità.

SARS-CoV2 – COVID-19

I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS). I Coronavirus sono stati identificati a metà degli anni ’60 e sono noti per infettare l'uomo ed alcuni animali (inclusi uccelli e mammiferi).
Nel dicembre 2019 a Wuhan, in Cina, è stato isolato un nuovo virus appartenente a questa famiglia, denominato SARS-CoV-2. La sequenza virale di questo nuovo Coronavirus ha un’omologia di circa il 76% rispetto al virus che causò la pandemia di SARS nel 2002/2003, dunque i due virus sono molto simili.
I Coronavirus hanno morfologia rotondeggiante e dimensioni di 100-150 nm di diametro (circa 600 volte più piccolo del diametro di un capello umano). Il genoma dei Coronavirus è costituito da un singolo filamento di RNA a polarità positiva di grande taglia (da 27 a 32 kb nei diversi virus); non sono noti virus a RNA di taglia maggiore. L’RNA dà origine a sette proteine virali ed è associato alla proteina N, che ne aumenta la stabilità. È rivestito da un’Envelope costituita da una membrana che il virus “eredita” dalla cellula ospite dopo averla infettata.
Il nuovo Coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le goccioline del respiro (droplet) delle persone infette ad esempio tramite saliva, contatti diretti personali. È dimostrata1 la permanenza sulle superfici fino a 9 giorni se le condizioni ambientali lo favoriscono e, anche se con minor probabilità, il contagio attraverso il contatto con superfici contaminate è assolutamente possibile (mani contaminate che vengono portate alla bocca o agli occhi).
In questo contesto possono risultare utili interventi di disinfezione di ambienti contaminati o frequentati da molte persone con particolare attenzione agli arredi ad uso promiscuo (rubinetti, corrimano, ecc.).


Bibliografia

1 G. Kampf et al., Persistence of Coronaviruses on inanimate surfaces and their inactivation with biocidal agents – J. Hosp Infect., Mar 2020
2020 © Tutti i diritti riservati - Stefano Gasbarro EBS - P. IVA 13669411004
Torna ai contenuti